La mia vita nel teatro russo

Vladimir Ivanovic Nemirovič-Dančenko
A cura di Fausto Malcovati
Traduzione di Isabella Serra

La mia vita nel teatro russo

Memorie del co-fondatore del Teatro d’Arte di Mosca


Voci e volti dello spettacolo 18
Uscito il 11/2015
192 pagine
Isbn: 9788875273095
Aree: Teatro

 


 


 


 


 


Nemirovič-Dančenko con il suo Teatro d’Arte di Mosca ha cambiato la storia teatrale del Novecento. Questa autobiografia, finora inedita in Italia e curata da Fausto Malcovati, rende giustizia alla figura di Nemirovič, dimostrando come il prestigio del Teatro d’Arte nei primi anni fu dovuto prima a lui che a Stanislavskij. Alla fine dell’Ottocento Nemirovič a Mosca era un drammaturgo popolarissimo, un critico ascoltato e rispettato, un docente della scuola di recitazione della Filarmonica, mentre Stanislavskij era ancora un ricco imprenditore che calcava da dilettante le scene dei teatrini privati e non aveva alcun peso nella vita culturale russa. Per Stanislavskij le cose cambiarono proprio quando cominciò a firmare le prime regie con Nemirovič.
Grande organizzatore capace di tenere le redini del Teatro d’Arte dal punto di vista sia culturale sia finanziario, Nemirovič descrive la vita del teatro con lo sguardo del letterato e dell’intellettuale sempre alle prese con il problema di coniugare l’arte con il denaro. A differenza di Stanislavskij, che con La mia vita nell’arte ha creato una leggenda di sé e del proprio teatro, nelle sue memorie Nemirovič racconta fatti, persone, autori senza alcun compiacimento, riportando incontri e idee e descrivendo gli inizi duri, la ricerca dei finanziamenti, lo scarso successo dei primi spettacoli, il rischio di chiudere prima della fine della prima stagione.
La mia vita nel teatro russo offre inoltre uno spaccato straordinario della letteratura russa, teatrale e non solo, raccontando i rapporti fra Nemirovič e autori del calibro di Čechov, Gor ́kij, Tolstoj.


 


Vladimir Ivanovič Nemirovič-Dančenko (1858-1943), drammaturgo, critico teatrale, insegnante di recitazione, nel 1898 con Stanislavskij fondò il Teatro d’Arte di Mosca che diresse fino alla morte.


Qui la recensione di Krapp's Last Post.


Qui la recensione di Gianni Poli su Drammaturgia.it.


Qui la recensione di Diego Gabutti su Italia Oggi.


Materiali del libro:



Altri libri dell'area Teatro:


Prossime uscite
next
Fare un film
Di Roberto Farina
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
15.00 €
12,75 €
Prodotto non
disponibile
disponibile dal 29/3/2018
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
Il videogioco
Di Lorenzo Mosna. Prefazione di Gianni Canova
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 8/3/2018
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
La danza e la sua storia
Di Valeria Morselli
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
23.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 22/2/2018
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
prev
Avvisi ai naviganti
"Fare scuola con l'arte": la lettera di un'insegnante
19/02/2018 -

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della docente Luisanna Ardu dell'Istituto Comprensivo "Randaccio-Tuveri-Don Milani" di Cagliari:

«Il libro mi è piaciuto moltissimo, mi fa pensare che la scuola che "ci piace" c'è ed è viva. Le quattro esperienze raccontate sono così coinvolgenti che dovrebbero essere lette soprattutto dalle giovani e future maestre affinché possano ispirarsi per attuare nelle loro classi didattiche coinvolgenti e significative. Infatti ne ho regalato una copia alla mia tirocinante.  

Quando ero giovane incappai nella lettura de Il paese sbagliato, di Mario Lodi... fu una lettura illuminante che mi aiutò a costruire situazioni simili nelle mie classi, insomma mi ispirai (con molta modestia, per carità!) agli insegnamenti del Maestro. Ecco, il racconto delle quattro esperienze didattiche, letto ora che ho più di trent'anni di lavoro alle spalle, mi ha fatto rivivere quell'emozione.

Brave!

Il libro va portato in giro  e pubblicizzato perché non fornisce ricette, ma spunti significativi utilissimi a chi dentro la scuola inizia, ma anche a chi ha bisogno di un po' di energia per continuare.»