L’ingegnosa arte del fare teatro

Alan Ayckbourn
Traduzione di Leonardo Franchini

L’ingegnosa arte del fare teatro

Una guida per autori e registi


Voci e volti dello spettacolo 10
Uscito il 07/2014
128 pagine
Isbn: 9788875272678
Aree: Scrittura, Teatro
Keyword: Regia

 


 


 


 


 


Alan Ayckbourn ha scritto questo libro mettendosi, come sempre fa, dalla parte del pubblico. Infatti, sebbene si rivolga ad autori, registi e attori, fornisce consigli, svela trucchi, suggerisce espedienti che deliziano, grazie a una scrittura colloquiale e ironica, anche i non addetti ai lavori.
Diviso in una prima parte dedicata a come si scrive un testo teatrale e una seconda dedicata a come si mette in scena uno spettacolo, L’ingegnosa arte del fare teatro costituisce un manuale per chi si occupa professionalmente di teatro e allo stesso tempo una piccola guida al mondo vero della scena e anche al dietro le quinte.


Alan Ayckbourn, drammaturgo e regista teatrale inglese, è uno dei più famosi autori di teatro contemporanei. I suoi lavori, tradotti in trentacinque lingue, sono stati rappresentati sui palchi e nelle televisioni di tutto il mondo; tra i tanti ricordiamo: Camere da letto, Family Circles, Sinceramente bugiardi e Confusioni. Dalle sue opere Intimate Exchanges e Private Fears in Public Places il regista francese Alain Resnais ha tratto i film Smoking/No Smoking e Cuori.


 


Dicono del libro


L'ingegnosa arte di Alan Ayckbourn. Esce in Italia il libro firmato dal celebre commediografo, per addetti ai lavori e non solo, su Teatroteatro.it, rivista online, 2 settembre 2014. Per leggerla cliccare qui


Altri libri dell'area Scrittura:


Altri libri dell'area Teatro:


Altri libri con la keyword Regia:


Avvisi ai naviganti
Scrivere e produrre la nuova serialità televisiva
01/12/2017 -

 

Giovedì 14 dicembre alle ore 18.30 alla Casa del Cinema di Roma, si svolgerà l'incontro Scrivere e produrre la nuova serialità televisiva, a cui prenderà parte Neil Landau, sceneggiatore, produttore, professore alla UCLA, autore di Showrunner e di Netflix e le altre.

 

Lo sviluppo tecnologico ha determinato una rivoluzione nell’offerta e nella fruizione di contenuti televisivi: è il pubblico ad avere sempre più potere e a decidere autonomamente cosa guardare, quando e attraverso quali mezzi. In uno scenario che richiede alta competitività, sono i contenuti a tenere gli spettatori incollati agli schermi. 

Servono sceneggiatori preparati, ma anche produttori e direttori di rete che con capacità visionaria ribaltino i modelli televisivi tradizionali e diano spazio alle “storie”, riconoscendone il valore.

L'incontro alla sala Deluxe della Casa del Cinema approfondirà dunque il dibattito su differenze di produzione tra serialità americana e serialità italiana, sulle competenze e il ruolo dello sceneggiatore in Italia e sugli elementi che determinano il successo di una serie televisiva, avviato a marzo 2016.

Insieme a Landau, interverranno Barbara Petronio (coautrice di Romanzo Criminale – la serie e di Suburra: la serie, primo prodotto italiano Netflix) e Stefano Sardo (coautore di 1992 e di 1993), moderati da Guido Fiandra.

Vi aspettiamo!