Wong Kar-Wai

Leonardo Gliatta

Wong Kar-Wai

Saggio critico, foto, filmografia, dichiarazioni del regista, antologia della critica


Registi 47
Uscito il 02/2004
128 pagine
Isbn: 88-86350-77-5

 


 


 


«Wong Kar-wai, regista di Hong Kong, ha assunto con soli sette film, realizzati nel corso degli anni Novanta, una posizione privilegiata tra i cineasti contemporanei, proponendosi prima come un regista di culto per le giovani generazioni, poi consolidando la sua fama presso il pubblico di cinefili dei Festival di tutto il mondo. Egli racconta le storie di solitudini urbane, di uomini e donne che sono corpi desideranti, perduti nel labirinto della megalopoli, con uno stile inconfondibile e rigorosissimo che è ormai diventato il suo marchio di fabbrica. Wong Kar-wai, da alchimista delle immagini, dona ad ogni film un fascino ammaliante, frutto di un accurato dosaggio dei vari elementi che concorrono alla realizzazione di un film: lo spettatore viene immerso in un’esperienza di flusso audiovisuale, che lo trascina dall’inizio sino alla fine in una girandola di sensazioni, di sollecitazioni visive scaturite dal talento pittorico del regista, il quale, come un impressionista, più che descrivere una situazione o un personaggio, sembra alludervi con mano leggera. La ragione prima della modernità di Wong Kar-wai è la sostanziale incollocabilità del suo cinema, che sfugge ad ogni tentativo di riduzione critica. La contraddizione paradossale consiste nella consapevolezza di Wong di essere un Autore nell’ambito di un cinema (quello di Hong Kong) che ha costruito le sue fortune sul concetto corale di genere. Egli, allora, lancia una sfida ai suoi spettatori: li seduce con la sua poetica e con la fascinazione delle sue forme, appagando quel desiderio di autorialità ben descritto da Roland Barthes, ma al tempo stesso ricorda a questi stessi spettatori che stiamo vivendo in un’epoca post-autoriale.» Leggi la recensione di Cinematografo.it: recensione

Indice


Parte Prima: Wong Kar-wai, l’alchimista delle immagini; Cenni storici sul cinema di Hong Kong; Caratteri del cinema popolare di Hong Kong ; Capitolo Primo: Il tempo nel cinema di Wong Kar-wai; Capitolo Secondo: Lo spazio nel cinema di Wong Kar-wai; Capitolo Terzo: La narrazione nel cinema di Wong Kar-wai; Conclusioni.


Parte Seconda: Filmologia e antologia testi; Una breve biografia; La Carmen di Mongkok;  Days of Being Wild; Malvagio dell’Est, crudele dell’Ovest; Hong Kong Express; Angeli perduti; Happy together; In the Mood for Love; 2046.


Prossime uscite
next
Fare scuola con l’arte - Regole/Trasgressioni
Il racconto di 4 percorsi didattici realizzati con l'uso di linguaggi artistici
10.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 21/9/2017
Il racconto di 4 percorsi didattici realizzati con l'uso di linguaggi artistici
Raccontare a fumetti
Di Stefano Santarelli
Il linguaggio dei comics dall’idea al disegno
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 5/10/2017
Il linguaggio dei comics dall’idea al disegno
prev
Avvisi ai naviganti
Chi era Stella Adler?
20/09/2017 -

 

Donna eccezionale, dal talento innato e dalla personalità magnetica, Stella Adler è stata la più grande insegnante di recitazione del XX secolo. Ha formato generazioni di attori, tra cui Marlon Brando, Robert de Niro, Elizabeth Taylor e Judy Garland; nel 2000 Howard Kissel ha raccolto gli appunti e le registrazioni delle lezioni di Adler e li ha riuniti, creando l’Arte della recitazione.