Rispetto per la recitazione

Uta Hagen

Rispetto per la recitazione

L’attore: ruolo, tecniche ed esercizi in un classico della didattica teatrale


Manuali di script  83
Uscito il 09/2006
170 pagine
Isbn: 978-88-7527-009-4
Aree: Teatro

 


 


 


 


 


A più di trent’anni dalla sua pubblicazione negli Usa Respect for Acting, già un classico della didattica del teatro, si affianca alle opere di Michail Čechov e Lee Strasberg e trova finalmente spazio anche sul mercato italiano. Basato sul lungo insegnamento tenuto dall’autrice presso l’HB Studio con decine d’allievi-attori quali Geraldine Page, Jason Robards, Jack Lemmon e Steve McQueen, il testo è ricco di esercizi pratici e si divide in tre parti. La prima, “L’attore”, tratta le tecniche che permettono all’attore di mettersi in moto fisicamente, verbalmente ed emozionalmente. Tratta il concetto che l’attore ha di sé stesso e dell’arte della recitazione, così come dell’etica che ha reso il teatro ciò che è oggi e ciò che potrebbe essere domani. La seconda parte, “Gli esercizi”, offre un lavoro specifico e dettagliato per l’attore, coprendo una vasta area dei suoi problemi, e infine la terza parte, “La rappresentazione e il ruolo”, riguarda la definizione di recitazione e l’identificazione tecnica e artistica dell’attore col personaggio a lui affidato.


Uta Hagen è nata in Germania nel 1919 e ha debuttato a Broadway nel 1938 nel Gabbiano prodotto dalla Lunt-Fontanne. Nella sua lunga carriera ha recitato in più di venti produzioni di Broadway (Othello, Key Largo, Un tram chiamato desiderio, The Country Girl, Chi ha paura di Virginia Woolf?) e in ultimo nel film della Twentieth-Century Fox The Other (1972). Attrice e regista, durante le riprese dei suoi film non ha mai smesso di insegnare allo Studio HB, dove rimase per oltre venticinque anni.

Indice


Indice;


Parte Prima: L’attore; Introduzione; Capitolo Primo: Concetto, Capitolo Secondo: Identità; Capitolo Terzo: Sostituzione; Capitolo Quarto: Memoria emotiva; Capitolo Quinto: Memoria sensoriale; Capitolo Sesto: I cinque sensi; Capitolo Settimo: Pensare; Capitolo Ottavo: Camminare e parlare; Capitolo Nono: Improvvisazione; Capitolo Decimo: La realtà;


Parte Seconda: Gli esercizi sugli obiettivi; Introduzione; Capitolo Undicesimo: L’esercizio di base sugli obiettivi; Capitolo Dodicesimo: Tre entrate; Capitolo Tredicesimo: Immediatezza; Capitolo Quattordicesimo: La quarta parete; Capitolo Quindicesimo: Assegnazione; Capitolo Sedicesimo: Parlare tra sé; Capitolo Diciassettesimo: All’aperto; Capitolo Diciottesimo: Condizionamenti; Capitolo Diciannovesimo: La storia; Capitolo Ventesimo: L’azione del personaggio;


Parte Terza: Il dramma e il ruolo; Introduzione; Capitolo Ventunesimo: Il primo contatto con il dramma; Capitolo Ventiduesimo: Il personaggio; Capitolo Ventitreesimo: Le circostanze; Capitolo Ventiquattresimo: La relazione; Capitolo Venticinquesimo: L’obiettivo; Capitolo Ventiseiesimo: L’ostacolo; Capitolo Ventisettesimo: L’azione; Capitolo Ventottesimo: La prova; Capitolo Ventinovesimo: Problemi pratici; Capitolo Trentesimo: La comunicazione; Capitolo Trentunesimo: Lo stile;


Epilogo.


Altri libri dell'area Teatro:


Prossime uscite
next
Fare radio
Di Marta Perrotta
Formati, programmi e strategie per la radiofonia digitale
19.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 19/10/2017
Formati, programmi e strategie per la radiofonia digitale
Il mestiere della regia
Di Katie Mitchell. A cura di Federica Mazzocchi
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
22.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 9/11/2017
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
prev
Avvisi ai naviganti
Raccontare a fumetti - Introduzione
12/10/2017 -

 

Creare è senza dubbio una delle principali peculiarità umane. Un istinto primario, una necessità irrinunciabile, che nasce dal bisogno di immortalità. Dall’impossibilità di accettare la nostra finitezza, il nostro limite più profondo. Per questo facciamo figli, erigiamo cattedrali, costruiamo città, realizziamo opere d’arte. Per restare. Per esserci anche oltre di noi. Per superare i limiti che la natura ci impone. E creare è sempre un atto d’amore.