Il movimento della macchina da presa

Arcangelo Mazzoleni

Il movimento della macchina da presa

Estetica, tecnica e linguaggio dell'inquadratura variabile


Manuali di script  49
Uscito il 09/2004
192 pagine
Isbn: 9788875271541
Aree: Cinema
Keyword: Regia

 


Cosa vuol dire muovere la macchina da presa? Perché si sceglie l’inquadratura mobile invece di quella fissa? Che cosa si può comunicare con una panoramica, un carrello un travelling? Il movimento della mdp, che assieme al montaggio costituisce il vero “specifico” cinematografico, permette un’identificazione più forte con la storia e i personaggi, dinamizza e rende più coinvolgente il racconto. Questo libro, il primo dedicato all’argomento, costituisce uno studio sistematico sui movimenti di macchina e le loro funzioni espressive, arricchito da numerose analisi critiche sul linguaggio e le potenzialità espressive della camera mobile e dell’inquadratura dinamica, condotte su sequenze di film esemplari, provenienti sia dal cinema mainstream sia dalle forme più personali del cinema d’autore. Chiunque operi nel campo dei media troverà in questo libro una funzionale grammatica dei movimenti di macchina, una semantica e una sintassi del piano sequenza in grado di agevolare una comprensione, critica e più consapevole, del linguaggio audiovisivo.


(2a edizione)


Arcangelo Mazzoleni si è formato al Centro Sperimentale di Cinematografia di Cinecittà. Consulente e story editor di RAI-fiction, insegna Teoria e tecnica del linguaggio cinematografico nel Corso di laurea in Scienze dei Media e della Comunicazione dell’Università di Roma Tor Vergata. Saggista e poeta, è autore e regista di programmi televisivi, di corti cinematografici, di videopoemi e testi multimediali. Ha pubblicato per noi L’ABC del linguaggio cinematografico.

Indice


Capitolo Primo: L’inquadratura mobile; Capitolo Secondo: Il mondo come continuum: le panoramiche; Capitolo Terzo: La macchina viaggiante: carrellate e travelling; Capitolo Quarto: Tecniche combinate: zoom e carrello; Capitolo Quinto: Narrare in soggettiva; Capitolo Sesto: Analisi stilistiche; Capitolo Settimo: Il cinema del piano sequenza; Capitolo Ottavo: Lo stop-motion e la ricostruzione del movimento; Capitolo Nono: Lo sguardo infinito; Bibliografia; Indice dei film citati.


Altri libri dell'area Cinema:


Altri libri con la keyword Regia:


Prossime uscite
next
Il mestiere della regia
Di Katie Mitchell. A cura di Federica Mazzocchi
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
22.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 9/11/2017
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
Netflix e le altre. La rivoluzione delle tv digitali
Di Neil Landau
La nuova "età dell’oro" della televisione: parlano produttori e showrunner
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 2/11/2017
La nuova "età dell’oro" della televisione: parlano produttori e showrunner
prev
Avvisi ai naviganti
Raccontare a fumetti - Introduzione
12/10/2017 -

 

Creare è senza dubbio una delle principali peculiarità umane. Un istinto primario, una necessità irrinunciabile, che nasce dal bisogno di immortalità. Dall’impossibilità di accettare la nostra finitezza, il nostro limite più profondo. Per questo facciamo figli, erigiamo cattedrali, costruiamo città, realizziamo opere d’arte. Per restare. Per esserci anche oltre di noi. Per superare i limiti che la natura ci impone. E creare è sempre un atto d’amore.