Showrunner

Neil Landau
Traduzione di Claudio Maccari

Showrunner

Grandi storie, grandi serie


Manuali di script  173
Uscito il 12/2015
224 pagine
Isbn: 9788875273019
Aree: Cinema, Media, Scrittura, Televisione
Keyword: Sceneggiatura

 


 


 


 


 


Non tutti sanno che le grandi storie raccontate oggi dalla serialità televisiva statunitense sono scritte e poi seguite nella fase realizzativa dai loro creatori, gli sceneggiatori. In questo nuovo ruolo di ideatori, scrittori e controllori della realizzazione visiva delle loro serie, gli sceneggiatori vengono chiamati “showrunner”.
Ed è proprio attraverso le interviste agli showrunner delle serie più acclamate che Neil Landau costruisce una guida alla creazione e alla realizzazione di serie tv, affrontando tutti gli aspetti della scrittura e della conduzione della complessa struttura organizzativa di queste produzioni.
Con l’autore si entra nelle più famose writers’room, dove gli showrunner si aprono e offrono tutta la loro personale esperienza, raccontando curiosi retroscena sulle singole serie e, soprattutto, rivelando i fondamentali del mestiere. Da ogni intervista scaturisce un elemento specifico della scrittura che Landau illustra e risolve in una sintesi che supera il dialogo con il singolo showrunner e restituisce un quadro più generale. Con questo approccio, Landau riesce a discutere di argomenti teorici rimanendo sempre su un profilo molto pragmatico e soddisfacendo tutte quelle domande di ordine pratico che, di solito, non trovano risposta. Arriva così ad analizzare la creazione di una serie tv nella sua interezza: dalla prima idea alla presentazione ai network, dall’organizzazione del lavoro alla vendita, dalle ultime stesure alla gestione di tutti i problemi che possono sorgere.
In appendice un’intervista con i creatori della serie italiana 1992.



Neil Landau è sceneggiatore, produttore, autore e professore di Sceneggiatura e di Produzione televisiva alla UCLA. Ha lavorato come executive script consultant per la Sony Pictures Television International e collaborato con importanti network come CBS, Disney e Warner Bros. Tra i suoi lavori ricordiamo le serie Melrose Place, I magnifici sette e MTV’s undressed.


Leggete la postfazione di Dino Audino.


Ascoltate il podcast di Radiolibri su "Showrunner. Grandi storie, grandi serie".


Leggete la recensione di Matteo Sacchi – «Il Giornale», 10 gennaio 2016.


Dalla recensione di Claudia Morgoglione su «la Repubblica» del 18 gennaio 2016: "Un volume ricco di testimonianze, che ci fa entrare finalmente nella fabbrica letteraria contemporanea più potente che ci sia". 


Dalla recensione di Silvana Mazzocchi sulla rubrica on line Passaparola di «la Repubblica»: "Un compendio di idee e suggerimenti che illumina sulla fattura di quel prodotto che ha conquistato folle di spettatori".


Dalla recensione di Giulio Passerini per Panorama.it: "Un approccio indispensabile per fare funzionare un gruppo tanto eterogeneo di persone e creare la giusta connessione col pubblico, tenendo a bada nel frattempo l’emittente, gli sceneggiatori e i fan."


Altri libri dell'area Cinema:


Altri libri dell'area Media:


Altri libri dell'area Scrittura:


Altri libri dell'area Televisione:


Altri libri con la keyword Sceneggiatura:


Prossime uscite
next
Il mestiere della regia
Di Katie Mitchell. A cura di Federica Mazzocchi
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
22.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 9/11/2017
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
Netflix e le altre. La rivoluzione delle tv digitali
Di Neil Landau
La nuova "età dell’oro" della televisione: parlano produttori e showrunner
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 2/11/2017
La nuova "età dell’oro" della televisione: parlano produttori e showrunner
prev
Avvisi ai naviganti
Raccontare a fumetti - Introduzione
12/10/2017 -

 

Creare è senza dubbio una delle principali peculiarità umane. Un istinto primario, una necessità irrinunciabile, che nasce dal bisogno di immortalità. Dall’impossibilità di accettare la nostra finitezza, il nostro limite più profondo. Per questo facciamo figli, erigiamo cattedrali, costruiamo città, realizziamo opere d’arte. Per restare. Per esserci anche oltre di noi. Per superare i limiti che la natura ci impone. E creare è sempre un atto d’amore.