Costruire una narrazione

Costruire una narrazione

Venti elementi per strutturare film, format, serie web e tv


Manuali di script  153
Uscito il 03/2013
128 pagine
Isbn: 9788875272333
Aree: Cinema
Keyword: Sceneggiatura

 


 


 


 


Come i musicisti con sette note compongono infinite (o quasi) melodie, così gli sceneggiatori possono usare non un solo modello teorico – essenzialmente “l’arco di trasformazione del personaggio” – ma numerosi strumenti per scrivere infinite (o quasi) narrazioni.
Questa è la premessa della nuova teoria di Luigi Forlai che, maturata attraverso i suoi precedenti libri (Come raccontare una grande storia, Archetipi mitici e generi cinematografici e Detective thriller e noir), arriva ora al suo stadio conclusivo: la scrittura di tutte le storie, dai film per il cinema alle serie televisive, dai quiz show ai reality (perché sempre di storie si tratta), può essere affrontata con l’utilizzo pratico di venti elementi fondamentali che ne determinano la tenuta narrativa e spettacolare.
In una conversazione, semplice ma rigorosa, con Claudio Maccari, Forlai spiega quali siano questi strumenti e come vadano utilizzati. L’eroe-protagonista e il conflitto che si vuole raccontare vengono posti al centro della narrazione che si dispiega in tre strati, all’interno dei quali operano i diversi strumenti. Questi tre strati – il Cuore, la Dinamica e la Percezione del Conflitto – sono i momenti in cui si coglie la storia mentre si sta formando, prima nei suoi elementi basilari, poi nel suo svilupparsi scandito da alcune tappe fondamentali (le stazioni) e, infine, nel suo offrirsi alla percezione dello spettatore/lettore. Muovendosi oltre le teorie statunitensi più diffuse, questo manuale offre la possibilità di gestire tutta la complessità realizzabile in una narrazione, contemplando ogni tipologia di storia nella propria specificità, senza la presunzione di ridurla a un unico canone, a una sola struttura.



Luigi Forlai, sceneggiatore e produttore esecutivo, ha studiato Economia a Bologna, York e Londra e Cinema a Los Angeles. Da molti anni è produttore creativo per la fiction di un grande gruppo multimediale.



Claudio Maccari, sceneggiatore formatosi al XII Corso Rai-Script e studioso di letteratura italiana, collabora con la Fondazione Centro di Studi Alfieriani di Asti.


Altri libri dell'area Cinema:


Altri libri con la keyword Sceneggiatura:


Prossime uscite
next
Fare un film
Di Roberto Farina
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
15.00 €
12,75 €
Prodotto non
disponibile
disponibile dal 29/3/2018
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
Il videogioco
Di Lorenzo Mosna. Prefazione di Gianni Canova
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 8/3/2018
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
La danza e la sua storia
Di Valeria Morselli
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
23.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 22/2/2018
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
prev
Avvisi ai naviganti
"Fare scuola con l'arte": la lettera di un'insegnante
19/02/2018 -

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della docente Luisanna Ardu dell'Istituto Comprensivo "Randaccio-Tuveri-Don Milani" di Cagliari:

«Il libro mi è piaciuto moltissimo, mi fa pensare che la scuola che "ci piace" c'è ed è viva. Le quattro esperienze raccontate sono così coinvolgenti che dovrebbero essere lette soprattutto dalle giovani e future maestre affinché possano ispirarsi per attuare nelle loro classi didattiche coinvolgenti e significative. Infatti ne ho regalato una copia alla mia tirocinante.  

Quando ero giovane incappai nella lettura de Il paese sbagliato, di Mario Lodi... fu una lettura illuminante che mi aiutò a costruire situazioni simili nelle mie classi, insomma mi ispirai (con molta modestia, per carità!) agli insegnamenti del Maestro. Ecco, il racconto delle quattro esperienze didattiche, letto ora che ho più di trent'anni di lavoro alle spalle, mi ha fatto rivivere quell'emozione.

Brave!

Il libro va portato in giro  e pubblicizzato perché non fornisce ricette, ma spunti significativi utilissimi a chi dentro la scuola inizia, ma anche a chi ha bisogno di un po' di energia per continuare.»