Neorealismo

Antonio Medici

Neorealismo

Il movimento che ha cambiato la storia del cinema, analizzato fotogrammi alla mano, nei suoi procedimenti tecnico-formali


Manuali di script  111
Uscito il 10/2008
128 pagine
Isbn: 978-88-7527-059-9
Aree: Cinema
Keyword: Storia, teorie e monografie

 


 


 


 


Del Neorealismo italiano si è scritto molto e in tutto il mondo: si tratta infatti di un momento straordinario nella storia del cinema: i registi escono dai teatri di posa, rinunciano ai divi, cercano la fisicità dei volti e dei corpi veri, portano nelle loro storie l’Italia popolare e quotidiana, ma non rinunciano mai allo stile, al loro sguardo nuovo e acuto sul paesaggio reale, talché nei suoi esiti più alti il Neorealismo sa espandere le vicende particolari a storie e temi di valore universale. A un fenomeno così complesso e indagato, questo libro si accosta con un’angolazione originale. Al saggio tradizionale si sostituisce un metodo induttivo che parte dal commento di una scena o una sequenza riprodotta fotograficamente, per estrarre il senso di quegli elementi che hanno creato la specificità e la grandezza del Neorealismo. In pratica si tratta di un’analisi nel vivo dei testi filmici di quei procedimenti linguistici e formali che caratterizzano le opere del Neorealismo. La lettura critica di sequenze significative, tratte sia da capolavori come Paisà, Ladri di biciclette, La terra trema, sia da film che nascono dall’innesto della realtà su tradizioni di genere, come In nome della legge di Germi o Due soldi di speranza di Castellani, è l’occasione per verificare quanto sia ampio e molteplice il campo d’azione della proposta neorealista.


Antonio Medici è docente di Cinematografia Documentaria presso l’Università Roma Tre e di Archivi Audiovisivi presso l’Università della Tuscia. Critico e saggista, è autore (con Daniele Vicari) del libro L’alfabeto dello sguardo. Capire il linguaggio audiovisivo (2004, premio Filmcritica); tra gli altri ha curato i volumi Filmare il lavoro (Ediesse, 2000); L’immagine plurale (Ediesse, 2003); Schermi di guerra (Ediesse, 2004). Attualmente, fa parte del Consiglio nazionale del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani.

Indice


Capitolo Primo: Neorealismo, storia e critica; Capitolo Secondo: Neorealismo, autori e film; Capitolo Terzo: La forma e il contenuto; Appendice 1 – I protagonisti si pronunciano; 2 – Il Neorealismo fa il giro del mondo; Bibliografia essenziale.


Altri libri dell'area Cinema:


Altri libri con la keyword Storia, teorie e monografie:


Prossime uscite
next
Fare un film
Di Roberto Farina
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
15.00 €
12,75 €
Prodotto non
disponibile
disponibile dal 29/3/2018
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
Il videogioco
Di Lorenzo Mosna. Prefazione di Gianni Canova
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 8/3/2018
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
La danza e la sua storia
Di Valeria Morselli
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
23.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 22/2/2018
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
prev
Avvisi ai naviganti
"Fare scuola con l'arte": la lettera di un'insegnante
19/02/2018 -

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della docente Luisanna Ardu dell'Istituto Comprensivo "Randaccio-Tuveri-Don Milani" di Cagliari:

«Il libro mi è piaciuto moltissimo, mi fa pensare che la scuola che "ci piace" c'è ed è viva. Le quattro esperienze raccontate sono così coinvolgenti che dovrebbero essere lette soprattutto dalle giovani e future maestre affinché possano ispirarsi per attuare nelle loro classi didattiche coinvolgenti e significative. Infatti ne ho regalato una copia alla mia tirocinante.  

Quando ero giovane incappai nella lettura de Il paese sbagliato, di Mario Lodi... fu una lettura illuminante che mi aiutò a costruire situazioni simili nelle mie classi, insomma mi ispirai (con molta modestia, per carità!) agli insegnamenti del Maestro. Ecco, il racconto delle quattro esperienze didattiche, letto ora che ho più di trent'anni di lavoro alle spalle, mi ha fatto rivivere quell'emozione.

Brave!

Il libro va portato in giro  e pubblicizzato perché non fornisce ricette, ma spunti significativi utilissimi a chi dentro la scuola inizia, ma anche a chi ha bisogno di un po' di energia per continuare.»