La vita colta in flagrante

Carlo Alberto Pinelli

La vita colta in flagrante

Breve storia del documentario. Dalle origini alle soglie del 2000.


Manuali di script  106
Uscito il 03/2008
160 pagine
Isbn: 9788875270513
Aree: Cinema
Keyword: Storia, teorie e monografie

 


 


 


Questo libro affronta in modo agile e con un linguaggio semplice e chiaro la storia del documentarismo mondiale dagli inizi alle soglie del 2000, privilegiando quelle opere e quei movimenti che – secondo il soggettivo punto di vista dell’autore – hanno costituito l’asse portante della cinematografia documentaristica durante un secolo di costante evoluzione. Il libro termina citando una frase di Alberto Cavalcanti: «Il prestigio del documentarismo deriva dal coraggio delle sue sperimentazioni. Senza sperimentazione il documentario perde ogni valore e cessa di esistere.»


Carlo Alberto Pinelli, regista. Ha realizzato più di cento documentari in tutti i continenti, principalmente per le televisioni europee. È specializzato in opere divulgative di carattere etno-antropologico, storico, socio-politico, scientifico, naturalistico e d’avventura. Pinelli insegna Cinematografia Documentaria e Cinema Documentaristico per il Turismo presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli.

Indice


Introduzione;


Parte Prima; Capitolo Primo: Cosa è un documentario; Capitolo Secondo: Gli albori del documentarismo. I reportage di viaggio; Capitolo Terzo: Le “sinfonie metropolitane”; Capitolo Quarto: La cinematografia documentaristica sovietica; Capitolo Quinto: Il documentarismo democratico in Europa; Capitolo Sesto: La scuola inglese; Capitolo Settimo: La cinematografia documentaristica nazista; Capitolo Ottavo: La scuola americana; Capitolo Nono: Robert J. Flaherty; Capitolo Decimo: Il documentarismo in Italia; Capitolo Undicesimo: Il documentarismo e la guerra;


Parte Seconda: Introduzione alla seconda parte; Capitolo Dodicesimo: L’evoluzione del documentarismo mondiale nell’immediato dopoguerra; Capitolo Tredicesimo: Nuovi sguardi. Il Free Cinema inglese; Capitolo Quattordicesimo: Il sale sulla coda. Ovvero come agguantare la realtà; Capitolo Quindicesimo: Il miracolo canadese; Capitolo Sedicesimo: Le briciole del Neorealismo. Il documentarismo italiano dal dopoguerra alla fine degli anni ’60; Capitolo Diciassettesimo: Le voci della protesta; Capitolo Diciottesimo: L’alba dell’elettronica; Capitolo Diciannovesimo: Sguardi verso l’altrove;


Conclusioni; Cronologia dei principali documentari di cui si parla nel testo; Bibliografia.


Altri libri dell'area Cinema:


Altri libri con la keyword Storia, teorie e monografie:


Prossime uscite
next
Fare un film
Di Roberto Farina
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
15.00 €
12,75 €
Prodotto non
disponibile
disponibile dal 29/3/2018
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
Il videogioco
Di Lorenzo Mosna. Prefazione di Gianni Canova
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 8/3/2018
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
La danza e la sua storia
Di Valeria Morselli
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
23.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 22/2/2018
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
prev
Avvisi ai naviganti
"Fare scuola con l'arte": la lettera di un'insegnante
19/02/2018 -

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della docente Luisanna Ardu dell'Istituto Comprensivo "Randaccio-Tuveri-Don Milani" di Cagliari:

«Il libro mi è piaciuto moltissimo, mi fa pensare che la scuola che "ci piace" c'è ed è viva. Le quattro esperienze raccontate sono così coinvolgenti che dovrebbero essere lette soprattutto dalle giovani e future maestre affinché possano ispirarsi per attuare nelle loro classi didattiche coinvolgenti e significative. Infatti ne ho regalato una copia alla mia tirocinante.  

Quando ero giovane incappai nella lettura de Il paese sbagliato, di Mario Lodi... fu una lettura illuminante che mi aiutò a costruire situazioni simili nelle mie classi, insomma mi ispirai (con molta modestia, per carità!) agli insegnamenti del Maestro. Ecco, il racconto delle quattro esperienze didattiche, letto ora che ho più di trent'anni di lavoro alle spalle, mi ha fatto rivivere quell'emozione.

Brave!

Il libro va portato in giro  e pubblicizzato perché non fornisce ricette, ma spunti significativi utilissimi a chi dentro la scuola inizia, ma anche a chi ha bisogno di un po' di energia per continuare.»