Effetti speciali low budget

Andrea Ricca

Effetti speciali low budget

Prontuario di computer grafica per cortisti e registi indipendenti


Taccuini 32
Uscito il 11/2012
80 pagine
Isbn: 9788875272425
Aree: Cinema, Media, Televisione
Keyword: Tv

 


 


 


 


Con un software di animazione tridimensionale possiamo ricreare qualsiasi cosa, dai personaggi agli oggetti alle ambientazioni, ma come gestire questa materia nella cornice di progetti a basso o a zero budget? Come fare in casa un buon green screen? Come modellare o scaricare direttamente da internet modelli tridimensionali da inserire nel nostro video? Come inserire un oggetto 3d in una ripresa in movimento o far interagire attori in carne e ossa con creature digitali realizzate al computer?
Di tutto questo si parla nel primo agile volumetto che esce in Italia sull’argomento, scritto da un autore pluripremiato di corti di fantascienza, fantasy e horror ben conosciuto dalle riviste specializzate d’Oltreoceano.



Andrea Ricca realizza cortometraggi dal 1998. Nel 2009 gira il corto con effetti speciali The Furfangs, che ottiene visibilità internazionale e supera i 50.000 contatti on line. Il suo lavoro più recente è Spider Danger.


Altri libri dell'area Cinema:


Altri libri dell'area Media:


Altri libri dell'area Televisione:


Prossime uscite
next
Il mestiere della regia
Di Katie Mitchell. A cura di Federica Mazzocchi
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
22.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 9/11/2017
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
Netflix e le altre. La rivoluzione delle tv digitali
Di Neil Landau
La nuova "età dell’oro" della televisione: parlano produttori e showrunner
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 2/11/2017
La nuova "età dell’oro" della televisione: parlano produttori e showrunner
prev
Avvisi ai naviganti
Raccontare a fumetti - Introduzione
12/10/2017 -

 

Creare è senza dubbio una delle principali peculiarità umane. Un istinto primario, una necessità irrinunciabile, che nasce dal bisogno di immortalità. Dall’impossibilità di accettare la nostra finitezza, il nostro limite più profondo. Per questo facciamo figli, erigiamo cattedrali, costruiamo città, realizziamo opere d’arte. Per restare. Per esserci anche oltre di noi. Per superare i limiti che la natura ci impone. E creare è sempre un atto d’amore.