Né cicale né formiche

Né cicale né formiche

I meccanismi della crisi finanziaria spiegati a tutti


La buona politica 0
Uscito il 05/2012
96 pagine
Isbn: 978-88-7527-225-8

 


 


 


 


 


Come si è creato veramente il debito pubblico italiano? Quel che dicono le agenzie di rating alimenta la crisi? La globalizzazione è un fattore di sviluppo o no? E ancora: sapete che la compravendita del debito pubblico – la cosiddetta speculazione – è stata analizzata nel 1300 dal teologo francescano Francesco da Empoli?
In questo libro troverete risposte a queste domande e anche ad altro. Ad esempio, scoprirete perché la secessione agitata periodicamente dal cosiddetto popolo padano, conti alla mano, finirebbe per rovinare economicamente le regioni settentrionali d’Italia. Oppure come è nata e si è sviluppata l’idea (errata) che la Svizzera sia una cassaforte sicura per i capitali più o meno in fuga.
Inquadrandola nell’ambito della contingenza economico-finanziaria, l’autore spiega la questione dell’enorme debito pubblico italiano, che sembrava sotto controllo fino a quando non sono scattate le molle che lo hanno messo in seria difficoltà.
Nel libro vengono inoltre smontati i meccanismi che hanno reso possibile una situazione di tracollo finanziario per renderli comprensibili anche a chi non ha dimestichezza con l’alta finanza. Infine, l’autore espone sei tesi a confronto su come uscire dalla crisi attuale.


Giorgio Arfaras è attualmente presidente di SCM SIM SpA e direttore di "Lettera Economica". Ha lavorato all’Arthur Andersen, alla Pirelli, in Prime (una società di fondi comuni prima della Fiat e poi di Generali) e, infine, al Credit Suisse. Dal 1993 al 1995 ha collaborato al Rapporto Trimestrale di Prometeia. Collabora con "Linkiesta" e con "Limes", del cui Comitato Scientifico è membro. Dal 2009 scrive, insieme ad altri, il Rapporto sull’economia globale e l’Italia per il Centro Einaudi di Torino, del cui Comitato Direttivo è membro.

Indice


Introduzione: La finanza nella vita di tutti i giorni
Capitolo primo: Il debito pubblico
Capitolo secondo: Il Meridione
Capitolo terzo: La crescita che verrà
Capitolo quarto: L’industria finanziaria
Conclusioni: Sommario delle tesi
Appendice: Breve glossario dei termini finanziari


 


Dicono del libro


Intervista a Giorgio Arfaras su Radio IES durante la trassmissione Roma anch'io


Alessandro Litta Modignani, Né cicale né formiche. La crisi finanziaria spiegata a (quasi) tutti, «Notizie Radicali», 27 giugno 2012


Lucio Caracciolo, La crisi finanziaria spiegata a tutti, «la Repubblica», 8 luglio 2012


Intervista a Giorgio Arfaras su Radio 1 durante la trasmissione Zapping


Avvisi ai naviganti
Scrivere e produrre la nuova serialità televisiva
01/12/2017 -

 

Giovedì 14 dicembre alle ore 18.30 alla Casa del Cinema di Roma, si svolgerà l'incontro Scrivere e produrre la nuova serialità televisiva, a cui prenderà parte Neil Landau, sceneggiatore, produttore, professore alla UCLA, autore di Showrunner e di Netflix e le altre.

 

Lo sviluppo tecnologico ha determinato una rivoluzione nell’offerta e nella fruizione di contenuti televisivi: è il pubblico ad avere sempre più potere e a decidere autonomamente cosa guardare, quando e attraverso quali mezzi. In uno scenario che richiede alta competitività, sono i contenuti a tenere gli spettatori incollati agli schermi. 

Servono sceneggiatori preparati, ma anche produttori e direttori di rete che con capacità visionaria ribaltino i modelli televisivi tradizionali e diano spazio alle “storie”, riconoscendone il valore.

L'incontro alla sala Deluxe della Casa del Cinema approfondirà dunque il dibattito su differenze di produzione tra serialità americana e serialità italiana, sulle competenze e il ruolo dello sceneggiatore in Italia e sugli elementi che determinano il successo di una serie televisiva, avviato a marzo 2016.

Insieme a Landau, interverranno Barbara Petronio (coautrice di Romanzo Criminale – la serie e di Suburra: la serie, primo prodotto italiano Netflix) e Stefano Sardo (coautore di 1992 e di 1993), moderati da Guido Fiandra.

Vi aspettiamo!