La nostra storia

La Dino Audino Editore stata fondata nel 1987 ed diretta da Dino Audino


Fino al 1984 Dino Audino era stato direttore editoriale e comproprietario della pi nota casa editrice della sinistra giovanile degli anni 70, la Savelli (i non giovanissimi si ricordano certo il bestseller Porci con le ali, primo titolo della collana Il pane e le rose diretta da Lidia Ravera e Marco Lombardo Radice).


Dello spirito originario la Dino Audino riprende la battaglia culturale per la modernizzazione del Paese in un settore giovanile tanto centrale nel futuro quanto sottovalutato nel presente: la formazione nello spettacolo.


***


Goffredo Fofi su L'Unità di venerdì 8 gennaio 2010

"Se si studiasse la storia della Samonà e Savelli dove passò il meglio e l'ovvio e talora anche il meno buono della nuova sinistra si potrebbe avere un quadro molto significativo dei grandi e dei piccoli dilemmi degli anni settanta. Le riunioni della Samonà e Savelli erano faticose ma ricche di idee e di proposte, non tutte poi realizzate. Le amministrava saggiamente con Dino Audino e Vincenzo Innocenti, un giovanissimo di grandi speranze che decise di togliersi la vita molto, troppo presto, Maurizio Flores, e che scriveva di letteratura sia sul Manifesto che su Lotta Continua, un fatto poco abituale; un altro giovane di grande talento, scomparso anche lui troppo presto, Marco Lombardo-Radice, autore con Lidia Ravera del best-seller della casa, Porci con le ali, vi portava idee innovative sulle controculture giovanili, ma viste da qui, dal concreto dei problemi dei ragazzi italiani che conosceva tramite il suo lavoro di psichiatra. A queste riunioni prendevano parte in spirito di collaborazione e non di spartizione anche personalità diverse e di idee più pesanti, come i cosiddetti collettiani e altri dottrinari."

 

Avvisi ai naviganti
Gli appuntamenti di marzo
20/03/2017 -

 

Il 31 marzo alle ore 18.00 presso la Libreria Feltrinelli di Viale Libia 186 a Roma, l'autore di "Scrivere il corto e la web-serie" Roberto Moliterni incontrerà l'attore e regista Paolo Sassanellie il regista Roan Johnson per analizzare le strutture narrative di corti e web-serie.