Cult series vol. II

A cura di Franco Monteleone

Cult series vol. II

Le grandi narrazioni televisive nell'America di fine secolo


Ricerche 6/2
Uscito il 10/2005
160 pagine
Isbn: 9788875271240
Aree: Media
Keyword: Tv

 


 


 


 


 


Dal mitico Twin Peaks all’iperscientifico CSI, dal caustico I Simpson allo yuppismo femminil-avvocatizio di Ally McBeal, dall’horror-giovanilistico di Buffy l’Ammazzavampiri al dramedy italomafioso dei Sopranos, sembra che nell’ultimo decennio la grande narrazione americana si sia trasferita dal cinema alla televisione. Forse non è sbagliato dire che la serialità americana delle reti via cavo, proprio perché destinata ad un pubblico più elevato socialmente e culturalmente, stia offrendo prodotti che superano per maturità e spessore narrativo gran parte del coevo cinema hollywoodiano. Il libro, diviso in due volumi, curato e introdotto da Franco Monteleone, docente di Storia e Critica della Radio e della Televisione al Dams dell’Università di Roma Tre, e concluso da un intervento sulla regia delle serie di Vito Zagarrio, raccoglie sei saggi destinati ad analizzare altrettante serie. È il primo libro in Italia sull’argomento.


Leggi la recensione di “la Repubblica”: recensione


Leggi la recensione di “Close-up”: recensione


Leggi la recensione di “Serial TV”: recensione

Indice


Sex and The City (1998) di Elisa Gorni; I Soprano (1999) di Giuliana Muscio; CSI Crime Scene Investigation (2000) di Christian Uva; Alias (2001) di Filippo Rizzello; Six Feet Under (2002) di Mara D'Onofrio e Filippo Rizzello; The OC (2002) di Mara D'Onofrio; Conclusioni:  Fuori gioco. La messa in scena della serialità USA di Vito Zagarrio; Biografie degli autori del secondo volume.


Altri libri dell'area Media:


Avvisi ai naviganti
Scrivere e produrre la nuova serialità televisiva
01/12/2017 -

 

Giovedì 14 dicembre alle ore 18.30 alla Casa del Cinema di Roma, si svolgerà l'incontro Scrivere e produrre la nuova serialità televisiva, a cui prenderà parte Neil Landau, sceneggiatore, produttore, professore alla UCLA, autore di Showrunner e di Netflix e le altre.

 

Lo sviluppo tecnologico ha determinato una rivoluzione nell’offerta e nella fruizione di contenuti televisivi: è il pubblico ad avere sempre più potere e a decidere autonomamente cosa guardare, quando e attraverso quali mezzi. In uno scenario che richiede alta competitività, sono i contenuti a tenere gli spettatori incollati agli schermi. 

Servono sceneggiatori preparati, ma anche produttori e direttori di rete che con capacità visionaria ribaltino i modelli televisivi tradizionali e diano spazio alle “storie”, riconoscendone il valore.

L'incontro alla sala Deluxe della Casa del Cinema approfondirà dunque il dibattito su differenze di produzione tra serialità americana e serialità italiana, sulle competenze e il ruolo dello sceneggiatore in Italia e sugli elementi che determinano il successo di una serie televisiva, avviato a marzo 2016.

Insieme a Landau, interverranno Barbara Petronio (coautrice di Romanzo Criminale – la serie e di Suburra: la serie, primo prodotto italiano Netflix) e Stefano Sardo (coautore di 1992 e di 1993), moderati da Guido Fiandra.

Vi aspettiamo!