Script 43 - Dr. House, Grey's Anatomy e altre grandi serie

Script 43 - Dr. House, Grey's Anatomy e altre grandi serie

Interviste e saggi


Script 43
Uscito il 11/2007
112 pagine
Isbn: 978-88-7527-043-8

« A 50 anni esatti dalla nascita della Nouvelle Vague nella Parigi di Truffaut, Chabrol e Godard, la grande serialità televisiva sembra affermare una nuiova inedita politique des auters, totalmente capovolta però rispetto a quella che per mezzo secolo ha condizionato (non sempre nel bene) la produzione cinematografica. Gli autori che la televisione americana ha messo al centro del processo produttivo sono infatti sceneggiatori e non registi. »

Indice


Editoriale - La serialità degli americani e la nostra, una rivoluzione copernicana La regia è la prosecuzione della sceneggiatura con altri mezzi di Domenico Matteucci Have we Lost the Show? di Nicola Lusuardi Sul rapporto scrittura-messa in scena in Lost di Jack Bender You are so beautiful di Julio Martinez La nascita dei Soprano e altre cose Intervista di Mark Lee con David Chase e Tom Fontana Come abbiamo scritto I Soprano Intervista di Mark Lee con Matthew Weimer, Diane Frolov, Andrew Schneider, Terence Winter A proposito di Grey's Anatomy Pensieri e parole di Shonda Rhimes a cura di Giorgio Glaviano Gli eroi delle serie hospital di Fabrizio Lucherini Tutti amano il Dr. House di Stefano Reali John Truby, la sua teoria strutturale e l'analisi di Il verdetto di Arcangelo Mazzoleni


Prossime uscite
next
Il mestiere della regia
Di Katie Mitchell. A cura di Federica Mazzocchi
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
22.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 9/11/2017
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
Netflix e le altre. La rivoluzione delle tv digitali
Di Neil Landau
La nuova "età dell’oro" della televisione: parlano produttori e showrunner
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 2/11/2017
La nuova "età dell’oro" della televisione: parlano produttori e showrunner
prev
Avvisi ai naviganti
Raccontare a fumetti - Introduzione
12/10/2017 -

 

Creare è senza dubbio una delle principali peculiarità umane. Un istinto primario, una necessità irrinunciabile, che nasce dal bisogno di immortalità. Dall’impossibilità di accettare la nostra finitezza, il nostro limite più profondo. Per questo facciamo figli, erigiamo cattedrali, costruiamo città, realizziamo opere d’arte. Per restare. Per esserci anche oltre di noi. Per superare i limiti che la natura ci impone. E creare è sempre un atto d’amore.