Script 25 - Strutturare il film

Script 25 - Strutturare il film

Script 25
Uscito il 12/2000
112 pagine
Isbn: 88-86350-21-X

Indice


“Ridere, piangere e capire”. Editoriale di Dino Audino Per un abbandono del cinema assistito di Claudio Biondi I cento passi: come l’abbiamo scritto di Monica Zapelli Gladiator: dalla sceneggiatura allo schermo Intervista con lo sceneggiatore David Franzoni di David S. Cohen Il Sangue vivo del Salento: intervista con gli autori a cura di Nicola Vox Dancer in the dark: analisi di una struttura di Dino Audino Analisi di un film: Il sesto senso di Angelica Alemanno Il Grande Fratello: un reality-show strutturato come una grande narrazione di Giambattista Avellino Ciò che guida il racconto di Francesco Scardamaglia I registi ci odiano perché non sono bravi quanto noi Dialogo tra il premio Oscar William Goldman e John Cleese dei Monthy Python di Andrea Grossman Come funziona una sit-com di Jurgen Wolff Come funziona una soap-opera di Lilie Ferrari Dai Simpson ai Muppet Otto giganti dei cartoni di prima serata esaminano il loro boom di Alan Waldman Monologo americano di Paolo Zucca


Prossime uscite
next
Il mestiere della regia
Di Katie Mitchell. A cura di Federica Mazzocchi
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
22.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 9/11/2017
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
Netflix e le altre. La rivoluzione delle tv digitali
Di Neil Landau
La nuova "età dell’oro" della televisione: parlano produttori e showrunner
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 2/11/2017
La nuova "età dell’oro" della televisione: parlano produttori e showrunner
prev
Avvisi ai naviganti
Raccontare a fumetti - Introduzione
12/10/2017 -

 

Creare è senza dubbio una delle principali peculiarità umane. Un istinto primario, una necessità irrinunciabile, che nasce dal bisogno di immortalità. Dall’impossibilità di accettare la nostra finitezza, il nostro limite più profondo. Per questo facciamo figli, erigiamo cattedrali, costruiamo città, realizziamo opere d’arte. Per restare. Per esserci anche oltre di noi. Per superare i limiti che la natura ci impone. E creare è sempre un atto d’amore.