Scrivere canzoni

Roberto Cruciani

Scrivere canzoni

Una guida teorico-pratica alla scrittura di testi musicali


Manuali di script  74
Uscito il 11/2005
160 pagine
Isbn: 978-88-7527-117-6
Aree: Musica

 


 


 


Come si scrive il testo per una canzone? Come si sceglie un titolo che "funziona"? È "meglio" scrivere in inglese o in italiano? Questo libro cerca di dare una risposta alle domande degli autori esordienti attraverso l'analisi di testi di successo che possano fornire una guida sia all'approfondimento delle tecniche di scrittura, sia alla pratica specifica dello scrivere testi per canzoni. Partendo dalla differenza fondamentale tra il testo per la musica e quello per la poesia il libro affronta le questioni specifiche del testo musicale: come costruire una melodia, l'analisi degli intervalli come indicatori di senso, le forme canzone e le strutture più frequenti, l'interrelazione tra il testo e i suoi significati da una parte e la melodia e la musica dall'altra. Il tutto corredato di testi, sia in italiano che in inglese, del presente e del passato, che si sono conquistati un posto importante nel cuore del pubblico.


Roberto Cruciani (Roma, 1972), musicista. Ha studiato musicologia al Dams dell'Università di Bologna. Ha preso parte a oltre 200 concerti in qualità di esecutore, fonico, produttore artistico, arrangiatore.

Indice


Premessa;


Parte Prima: Alcuni elementi di base; Capitolo Primo: Il senso e il significato; Capitolo Secondo: Poesia o testo per musica; Capitolo Terzo: Elementi di base per la costruzione di una melodia;


Parte Seconda: Iniziare a scrivere; Capitolo Quarto: Prima il testo o prima la melodia?; Capitolo Quinto: La scelta del titolo; Capitolo Sesto: La cornice temporale; Capitolo Settimo: Testo e narrazione; Capitolo Ottavo: Il testo-immagine;


Parte Terza: La struttura del testo; Capitolo Nono: La forma canzone e i suoi termini; Capitolo Decimo: La ballata; Capitolo Undicesimo: Il blues; Capitolo Dodicesimo: Strofa-ritornello; Capitolo Tredicesimo: La forma AAA; Capitolo Quattordicesimo: La forma AABA0; Capitolo Quindicesimo: Le altre forme.


Parte Quarta: Strumenti e approfondimenti; Capitolo Sedicesimo: Lo stile, la voce narrante e l'identificazione; Capitolo Diciassettesimo: La variazione e l'uso degli opposti; Capitolo Diciottesimo: La ripetizione e lo slittamento di senso; Capitolo Diciannovesimo: L'importanza dell'essere specifici; Capitolo Ventesimo: La scelta della lingua: italiano o inglese?; Capitolo Ventunesimo: L'adattamento.


Prossime uscite
next
Fare un film
Di Roberto Farina
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
15.00 €
12,75 €
Prodotto non
disponibile
disponibile dal 29/3/2018
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
Il videogioco
Di Lorenzo Mosna. Prefazione di Gianni Canova
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 8/3/2018
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
La danza e la sua storia
Di Valeria Morselli
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
23.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 22/2/2018
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
prev
Avvisi ai naviganti
"Fare scuola con l'arte": la lettera di un'insegnante
19/02/2018 -

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della docente Luisanna Ardu dell'Istituto Comprensivo "Randaccio-Tuveri-Don Milani" di Cagliari:

«Il libro mi è piaciuto moltissimo, mi fa pensare che la scuola che "ci piace" c'è ed è viva. Le quattro esperienze raccontate sono così coinvolgenti che dovrebbero essere lette soprattutto dalle giovani e future maestre affinché possano ispirarsi per attuare nelle loro classi didattiche coinvolgenti e significative. Infatti ne ho regalato una copia alla mia tirocinante.  

Quando ero giovane incappai nella lettura de Il paese sbagliato, di Mario Lodi... fu una lettura illuminante che mi aiutò a costruire situazioni simili nelle mie classi, insomma mi ispirai (con molta modestia, per carità!) agli insegnamenti del Maestro. Ecco, il racconto delle quattro esperienze didattiche, letto ora che ho più di trent'anni di lavoro alle spalle, mi ha fatto rivivere quell'emozione.

Brave!

Il libro va portato in giro  e pubblicizzato perché non fornisce ricette, ma spunti significativi utilissimi a chi dentro la scuola inizia, ma anche a chi ha bisogno di un po' di energia per continuare.»