Il lavoro del conduttore

Maria Rosaria De Medici
Prefazione di Michele Sorice

Il lavoro del conduttore

Storia, drammaturgia e tecniche di racconto nei telegiornali


Manuali di script  66
Uscito il 10/2005
240 pagine
Isbn: 9788875271114
Aree: Media, Televisione

 


 


 


 


Dagli speaker dei primi anni '50 alle news di oggi, il telegiornale ha una grammatica televisiva dalle regole molto precise, ma conserva una struttura fluida, sempre aperta all’imprevisto, alle notizie dell’ultim’ora. È il conduttore a sostenere il ritmo del tg, a legare una all’altra le notizie come fossero un’unica storia della giornata. Questo è il primo testo specifico sull’analisi della conduzione dei telegiornali. Con i protagonisti che svelano le tecniche e i retroscena del loro mestiere. E con i filmati e i documenti storici che diventano pagine di una sceneggiatura. Il lettore entra così nel cuore della struttura narrativa del notiziario televisivo, scoprendo, dal confronto delle diverse "scalette", le differenze tra i modelli delle news americane e quelle europee. Un libro per gli addetti ai lavori, per i giornalisti, per gli studenti delle facoltà di Lettere, Scienze della Comunicazione e del Dams, ma soprattutto per coloro che vogliono conoscere i meccanismi del programma televisivo più seguito da oltre cinquant’anni. Prefazione di Michele Sorice, docente di Storia della radio e della televisione all’Università di Roma La Sapienza.


Maria Rosaria De Medici, giornalista, conduttrice del tg3 e del Gt ragazzi, il telegiornale pomeridiano di Rai Tre dedicato ai più giovani. Ha frequentato il corso Rai-Script per sceneggiatori.


Leggi la recensione della rivista online "Sinestesie": recensione

Indice


Prefazione di Michele Sorice; Introduzione;


Parte Prima: Dagli speaker agli anchorman-inviati. Storia della conduzione dei telegiornali italiani dagli anni '50 ai giorni nostri; Capitolo Primo: Anni '50. I lettori impassibili;  Capitolo Secondo: Anni '60. "Anchorman" all’improvviso; Capitolo Terzo: Anni '70. Concorrenti in casa; Capitolo Quarto: Anni '80. I neo-conduttori; Capitolo Quinto: Anni '90. Il diritto alla diretta; Capitolo Sesto: Anni 2000. L’informazione continua;


Parte Seconda: I narratori dell’attualità; Capitolo Settimo: Il telegiornale come genere televisivo; Capitolo Ottavo: La scelta del racconto. La struttura del telegiornale; Capitolo Nono: I modi del racconto. La struttura delle storie;


Parte Terza: Le tecniche della conduzione; Capitolo Decimo: Il ruolo del conduttore; Capitolo Undicesimo: Il linguaggio; Capitolo Dodicesimo: I grandi eventi. Le edizioni straordinarie; Appendice: Il laboratorio del "gt ragazzi"; Ringraziamenti.


Altri libri dell'area Media:


Altri libri dell'area Televisione:


Prossime uscite
next
Fare un film
Di Roberto Farina
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
15.00 €
12,75 €
Prodotto non
disponibile
disponibile dal 29/3/2018
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
Il videogioco
Di Lorenzo Mosna. Prefazione di Gianni Canova
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 8/3/2018
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
La danza e la sua storia
Di Valeria Morselli
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
23.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 22/2/2018
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
prev
Avvisi ai naviganti
"Fare scuola con l'arte": la lettera di un'insegnante
19/02/2018 -

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della docente Luisanna Ardu dell'Istituto Comprensivo "Randaccio-Tuveri-Don Milani" di Cagliari:

«Il libro mi è piaciuto moltissimo, mi fa pensare che la scuola che "ci piace" c'è ed è viva. Le quattro esperienze raccontate sono così coinvolgenti che dovrebbero essere lette soprattutto dalle giovani e future maestre affinché possano ispirarsi per attuare nelle loro classi didattiche coinvolgenti e significative. Infatti ne ho regalato una copia alla mia tirocinante.  

Quando ero giovane incappai nella lettura de Il paese sbagliato, di Mario Lodi... fu una lettura illuminante che mi aiutò a costruire situazioni simili nelle mie classi, insomma mi ispirai (con molta modestia, per carità!) agli insegnamenti del Maestro. Ecco, il racconto delle quattro esperienze didattiche, letto ora che ho più di trent'anni di lavoro alle spalle, mi ha fatto rivivere quell'emozione.

Brave!

Il libro va portato in giro  e pubblicizzato perché non fornisce ricette, ma spunti significativi utilissimi a chi dentro la scuola inizia, ma anche a chi ha bisogno di un po' di energia per continuare.»