Training forever!

Jurij Alschitz
Prefazione di Anatolij Vasil ́ev
Traduzione di Cristina Giannelli

Training forever!

Oltre cento esercizi per allenare il corpo e sviluppare la creatività


Manuali di script  171
Uscito il 04/2015
164 pagine
Isbn: 9788875272999
Aree: Teatro
Keyword: Regia

 


 


 


 


 


Il training è il fattore più importante per fare l’attore e, se praticato regolarmente, garantisce longevità artistica. Tutti gli esercizi qui proposti hanno lo scopo di predisporre l’attore non soltanto all’esecuzione ma anche, e soprattutto, allo sviluppo della sua creatività, preparando il suo apparato psicofisico all’incontro artistico con la scena e con i partner.
Questo libro costituisce un seminario sull’arte dell’attore e raccoglie più di cento esercizi, con le rispettive varianti. La maggior parte degli esercizi nasce dalla collaborazione con i teatri e con le scuole teatrali dei molti paesi in cui Alschitz ha insegnato negli ultimi vent’anni, a partire dal GITIS e dalla Scuola di Arte Drammatica di Anatolij Vasil ́ev.
Il testo è strutturato in dieci sezioni che prendono in esame i singoli elementi del training dell’attore: la liberazione dai riflessi della vita quotidiana, la ricerca e l’organizzazione dell’energia recitativa, le leggi sceniche, la sintonizzazione dell’“Io” artistico, la preparazione alla recitazione con il partner, i principi dell’accordo collettivo e della recitazione d’ensemble e così via. Si tratta di esercizi elaborati sia per le lezioni di gruppo, sia per la preparazione individuale. La loro esecuzione presuppone un’interpretazione autonoma e creativa e un riutilizzo durante le rappresentazioni concrete. Le lezioni pratiche sono accompagnate da brevi spiegazioni e da appunti, annotazioni e riflessioni dell’autore sul teatro e sul training teatrale.


 


Jurij Alschitz, formatosi al GITIS di Mosca, ha lavorato come regista nei più grandi teatri russi. In seguito ha iniziato a insegnare regia e recitazione teatrale. Nel 1995 ha fondato a Berlino l’AKT-ZENT, il centro teatrale europeo di formazione superiore, attualmente centro del training scientifico dell’Istituto Internazionale del Teatro dell’UNESCO. Dal 1999 è direttore artistico del primo festival internazionale di training teatrale al mondo: METODIKA. È autore di numerosi libri, di cui in Italia sono stati pubblicati La grammatica dell’attore (Ubulibri 1998), La matematica dell’attore (Ubulibri 2004) e Teatro senza regista (Titivillus 2007).


Altri libri dell'area Teatro:


Altri libri con la keyword Regia:


Prossime uscite
next
Fare un film
Di Roberto Farina
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
15.00 €
12,75 €
Prodotto non
disponibile
disponibile dal 29/3/2018
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
Il videogioco
Di Lorenzo Mosna. Prefazione di Gianni Canova
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 8/3/2018
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
La danza e la sua storia
Di Valeria Morselli
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
23.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 22/2/2018
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
prev
Avvisi ai naviganti
"Fare scuola con l'arte": la lettera di un'insegnante
19/02/2018 -

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera della docente Luisanna Ardu dell'Istituto Comprensivo "Randaccio-Tuveri-Don Milani" di Cagliari:

«Il libro mi è piaciuto moltissimo, mi fa pensare che la scuola che "ci piace" c'è ed è viva. Le quattro esperienze raccontate sono così coinvolgenti che dovrebbero essere lette soprattutto dalle giovani e future maestre affinché possano ispirarsi per attuare nelle loro classi didattiche coinvolgenti e significative. Infatti ne ho regalato una copia alla mia tirocinante.  

Quando ero giovane incappai nella lettura de Il paese sbagliato, di Mario Lodi... fu una lettura illuminante che mi aiutò a costruire situazioni simili nelle mie classi, insomma mi ispirai (con molta modestia, per carità!) agli insegnamenti del Maestro. Ecco, il racconto delle quattro esperienze didattiche, letto ora che ho più di trent'anni di lavoro alle spalle, mi ha fatto rivivere quell'emozione.

Brave!

Il libro va portato in giro  e pubblicizzato perché non fornisce ricette, ma spunti significativi utilissimi a chi dentro la scuola inizia, ma anche a chi ha bisogno di un po' di energia per continuare.»