Manuale pratico di scenografia vol. II

Benedetta Dalai

Manuale pratico di scenografia vol. II

La costruzione, la decorazione e la pittura teatrale in laboratorio


Manuali di script  120
Uscito il 10/2009
144 pagine
Isbn: 978-88-7527-098-8
Aree: Teatro
Keyword: Professioni

 


 


 


 


 


Dopo il Manuale pratico di scenografia vol. I, che si concentrava sul progetto scenografico, ecco la seconda parte dedicata alla realizzazione della scena teatrale. Ci si addentra nel laboratorio scenografico e si viene guidati all’apprendimento delle tecniche e dei segreti di falegnami, attrezzisti e pittori di scena. Si impara a distinguere il legname, gli attrezzi, i macchinari e il loro utilizzo per creare quinte, praticabili, scale, così come si viene a conoscenza dei segreti degli scenografi realizzatori che dipingono fondali o scolpiscono gli elementi scenici tridimensionali. Il percorso è lineare ma anche molto dettagliato, per approfondire ogni argomento e renderlo perfettamente comprensibile allo studente o al neofita. Il manuale, corredato di numerose illustrazioni e delle indicazioni per visualizzare fotografie da un apposito sito, dà tutte le nozioni basilari per comprendere e praticare l’antico (e sempre attuale) mestiere dello scenotecnico e pittore di scena, sia agli appassionati di teatro che a chi vuole intraprendere un percorso professionale nel campo della scenografia.


Altri libri dell'area Teatro:


Altri libri con la keyword Professioni:


Prossime uscite
next
Fare radio
Di Marta Perrotta
Formati, programmi e strategie per la radiofonia digitale
19.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 19/10/2017
Formati, programmi e strategie per la radiofonia digitale
Il mestiere della regia
Di Katie Mitchell. A cura di Federica Mazzocchi
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
22.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 9/11/2017
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
prev
Avvisi ai naviganti
Raccontare a fumetti - Introduzione
12/10/2017 -

 

Creare è senza dubbio una delle principali peculiarità umane. Un istinto primario, una necessità irrinunciabile, che nasce dal bisogno di immortalità. Dall’impossibilità di accettare la nostra finitezza, il nostro limite più profondo. Per questo facciamo figli, erigiamo cattedrali, costruiamo città, realizziamo opere d’arte. Per restare. Per esserci anche oltre di noi. Per superare i limiti che la natura ci impone. E creare è sempre un atto d’amore.