Archivio
20/02/2017
Anticipazione. "Viaggio nel bosco narrativo" di John Yorke

 

Giovedì 23 febbraio sarà disponibile in libreria e sul nostro sito "Viaggio nel bosco narrativo" di John Yorke, un testo che spiega come funzionano le grandi storie e perché esista una struttura ricorrente.

Continuate a leggere per un'anteprima tratta dall'Introduzione.

Leggi di più
13/01/2017
Anticipazione: Manuale di clownterapia

 

Da giovedì 19 gennaio sarà disponibile in libreria e sul nostro sito: "Manuale di clownterapia" di Vladimir Olshanskij. Clicca su leggi di più per la Premessa dell'autore.

Leggi di più
21/10/2016
Anticipazione. Grammatica del palcoscenico

Da giovedì 27 novembre sarà disponibile in libreria e sul nostro sito "Grammatica del palcoscenico" di Massimo Navone, un manuale di introduzione pratica all'arte teatrale dedicato ad attori registi e insegnanti.

Per voi una brano tratto dalla prefazione al testo di Renata Molinari:

«Come si descrive una pratica teatrale? Come si analizza, come si racconta? Manuale e racconto sembrano destinati a un conflitto di difficile soluzione, di instabile composizione, ogni volta che si cerca di dare voce e parola alla consapevolezza del fare. Il manuale, così diffuso in altre realtà, è guardato con una certa diffidenza da noi: si teme la ricetta che rischia di uccidere l’atto creativo – e la responsabilità ad esso legata – riducendo la costruzione teatrale a mera applicazione di tecniche e schemi compositivi o comportamentali. Proprio l’opposto di quello che i grandi maestri della nostra tradizione sembrano indicare. Dall’altro lato il racconto, il racconto del fare, spesso non riesce a uscire dalla sfera dell’esperienza personale o più ancora autobiografica, terreno che solo in pochi casi sa farsi traccia per la pratica di altri. Così la scrittura intorno al teatro oscilla fra il diario (non solo di lavoro) e la ricerca di un sistema, la definizione di una metodologia. In questa altalena spesso la metodologia sfocia nella dichiarazione di poetica più che nella individuazione dei principi di lavoro e il diario nella cronaca impressionistica, fra aneddoto e ripiegamento intimistico. Ad accomunare le due derive è la celebrazione, a tratti altissima, più spesso enfatica, della espressività, se non della creatività personale.Niente di tutto questo nel “racconto-manuale” di Massimo Navone, tutto basato sulla descrizione di semplici esercizi (ma accompagnati da particolari “osservazioni”, di cui diremo) per un teatro che sembra farsi da sé.»

Leggi di più
14/10/2016
L'arte del cinema - Presentazione

 

Giovedì 20 ottobre sarà in libreria "L'arte del cinema" di Lev KulešovPer voi un'anticipazione dalla Presentazione dei suoi allievi Pudovkin, Obolenskij, Komarov e Fogel.

«In passato non avevamo il cinema, ora sì. La fondazione del nostro cinema si compie a partire da Kulešov. I problemi formali erano inevitabili, ma Kulešov li affrontò per risolverli. Fu calunniato perché era un pioniere, perché aveva incanalato tutte le sue forze verso una sola direzione definita, perché quello era l'unico modo che conoscesse. ll lavoro cinematografico veniva condotto in un'atmosfera di estrema indeterminatezza.

Per penetrare nel groviglio vischioso e confuso delle alghe, era necessario un rasoio di lama affilata. Da quel momento in poi, l'opera di Kulešov indicò all'estetica una strada ben precisa. Fu Kulešov il primo regista a parlare di un alfabeto, a organizzare il materiale inarticolato, a lavorare con le sillabe e non con le parole. Questo è ciò per cui lo si accusa stando in piedi al cospetto di una corte dalle idee confuse. Alcuni di noi che hanno lavorato nel gruppo di Kulešov vengono visti come coloro che hanno "superato" il maestro. È una futile osservazione. È stato sulle sue spalle che abbiamo potuto attraversare il Mar dei Sargassi fino ad arrivare in mare aperto.

Noi facciamo film, Kulešov ha fatto cinema.»

Leggi di più
04/10/2016
Chi è il regista?

Giovedì 6 ottobre arriva in libreria la nostra novità dedicata ai registi teatrali in formazione: "Introduzione alla regia teatrale" scritto da Simona Gonella con Luca Buggio.

Per voi un estratto dalla Premessa che spiega finalità e caratteristiche della figura del regista, sottolineando quanto la sua presenza possa essere determinante nell'allestimento di uno spettacolo:

Perché noi registi esistiamo? 

Per essere un punto di riferimento autorevole e ben preparato; per proporre nuove strade e nuove idee per la lettura di testi e temi; per incoraggiare un approccio che prediliga l’approfondimento, lo studio, e la sfida ai propri limiti; per guidare un gruppo attraverso un’esperienza creativa il più possibile appagante; per ottenere risultati creativamente e artisticamente più apprezzabili rispetto a un lavoro senza il nostro contributo.

Leggi di più
23/09/2016
Cosa è il Music Supervisor?

Cosa è il Musica Supervisor? Ce lo spiega Marco Testoni nel suo "Musica e visual media":

Il music supervisor è il professionista che nell’ambito di una produzione cine-televisiva segue le varie fasi della realizzazione, negoziazione e selezione del commento musicale originale e di repertorio di un’opera. Secondo una delle più importanti corporazioni ufficiali americane, The Guild of Music Supervisors, la definizione di questa figura è la seguente: «Il music supervisor è un professionista qualificato che sovrintende a tutti gli aspetti relativi alla musica per cinema, televisione, pubblicità, video-game e altre piattaforme media emergenti o esistenti».

Una figura, quindi, dotata di creatività, eclettismo e con una preparazione professionale orientata su più piani operativi che, per brevità e chiarezza, si possono suddividere in tre aree di competenza:

Leggi di più
09/09/2016
ANTICIPAZIONE. Perché abbiamo bisogno di questo libro?


Da giovedì 15 settembre sarà disponibile in libreria e sul nostro sito "Il Sistema Stanislavskij come cassetta degli attrezzi" di Bella Merlin.

Di seguito un brano tratto dall'Introduzione, che spiega come il volume aiuti ad orientarsi tra gli scritti di Stanislavskij focalizzando i punti fondamentali del Metodo e restituendoli in una forma sintetica e di facile comprensione:

«Perché abbiamo bisogno di questo libro? Perché le sue idee si sono polarizzate. Stanislavskij non voleva che il suo Sistema venisse preso per verità rivelata, motivo per cui esitò a darlo alle stampe. Ma dopo che il tour negli Stati Uniti dei primi anni Venti lo aveva reso un personaggio conosciuto a livello internazionale, il pubblico americano cominciò a chiedere di più. Le pressanti richieste lo portarono infine a intraprendere una prima stesura del Sistema nel 1925. La sua idea era quella di pubblicare le parti riguardanti l’aspetto psicologico e fisico della preparazione attoriale in un singolo volume. 

Leggi di più
01/09/2016
Fare costumi, la prefazione di Marco Tullio Giordana

 

In occasione della presentazione di "Fare costumi vol. I e vol II" di Elisabetta Antico e Paola Romoli Venturi, pubblichiamo la Prefazione al libro scritta da Marco Tullio Giordana:

«Agli inizi della mia carriera, quando divoravo un libro di cinema al giorno, uno di quelli che più mi colpì fu Vestire i sogni, un suggestivo excursus sulla carriera del grande manipolatore di costumi Umberto Tirelli scritto con penna altrettanto brillante dal compianto Guido Vergani. La grande scuola di taglio da cui proveniva e i suoi segreti, il ritratto gustosissimo degli artisti con cui aveva lavorato, la coraggiosa decisione di mettere in piedi una sartoria che sarebbe diventata celeberrima in tutto il mondo (e ancora lo è, grazie alla guida di Dino Trappetti), tutto aveva quel libro per incuriosire il ragazzo che ero allora, innamorato di ogni branca dello spettacolo – Teatro, Opera, Cinema – e delle sue mansioni. Mi incuriosì al punto da voler approfondire il lavoro dei personaggi che vi erano citati – i maestri come Gino Sensani, Nino Novarese e Maria De Matteis su tutti, poi i coetanei Piero Tosi e Danilo Donati, Luciano Damiani, Piero Gherardi, Pier Luigi Pizzi, Giulio Coltellacci, senza contare i più giovani Gabriella Pescucci, Milena Canonero, Fiorella Mariani, Wayne Finkelman, Giuseppe Crisolini Malatesta, Franca Squarciapino, Maurizio Millenotti, Alberto Verso, Giovanna Buzzi. Non sono certo tutti e mi scuso con quelli che non ho nominato ma che hanno contribuito a quel grande indispensabile e prestigioso capitolo dello spettacolo che i nostri costumisti hanno rappresentato al meglio in tutte le cinematografie dove sono stati chiamati a lavorare.

Fra i tanti guai del nostro paese non è meno grave il lento disperdersi del patrimonio cognitivo e dell’esperienza dei grandi maestri che non hanno più modo di formare successori. Con tutta la buona volontà delle scuole e dei singoli costumisti che fanno lavorare i debuttanti,

Leggi di più
18/07/2016
TERZA SETTIMANA DI SALDI

 

Sta per iniziare la terza settimana di saldi: alla promozione narrativa e alla promozione fumetto si aggiunge l'offerta dedica alla recitazione.

Il potere dell'attore V.E. e Ruoli Maschili a 25 euro – invece di 31,90 – e senza alcun costo per la spedizione.

Sarà possibile usufruire della promozione scrivendo a info@audinoeditore.it

Leggi di più
11/07/2016
E' INIZIATA LA STAGIONE DEI SALDI

Continuano gli sconti del mese di luglio.

Oltre alla promozione narrativa, si aggiunge da questa settimana l'offerta dedicata al settore fumetto.

Disegnare fumetti di Mauro Antonini e Disegni Invisibili di Gianni De Luca al 25% di sconto senza spese di spedizione.

Per i dettagli leggi di più.

Leggi di più
01/07/2016
INIZIA LA STAGIONE DEI SALDI

 

Cari amici,

è iniziata la stagione dei saldi: dal 4 al 31 luglio ogni settimana vi proporremo una nuova promozione.

Narrativa, teatro, fumetto, musica e tanto altro ancora a prezzi scontati e senza spese di spedizione.

Si inizia con la collana di narrativa "Scriptori": sconto del 50% sull'acquisto di due o più libri a scelta. La spedizione postale sarà a nostro carico.

Per usufruire della promozione è necessario scrivere a info@audinoeditore.it indicando i titoli desiderati. 

Cliccate su "leggi di più" per scoprire i titoli in promozione.

Leggi di più
23/10/2015
Voci e volti dello spettacolo

Voci e volti dello spettacolo è la collana della Dino Audino editore dedicata alla riscoperta di artisti che hanno contribuito ad innovare la cultura del nostro tempo.

Proponendo ricordi, riflessioni e interviste, i volumi della collana restituiscono “voce” a spiriti indipendenti, coraggiosi, anticonformisti, che con la loro attività hanno modernizzato il linguaggio della propria arte, presentando progetti culturali innovativi o scommettendo su idee rivoluzionarie.

I volumi che compongono la collana non ci presentano soltanto la “voce” più intima dei loro pensieri, ma ci mostrano anche il loro “volto”, le relazioni con l’ambiente culturale in cui lavorarono. E così, le memorie di Roger Blin ci restituiscono la “Parigi fumosa” di una società borghese in decadenza, il diario di Isadora Duncan è testimonianza delle tensioni di rinnovamento di inizio novecento, le registrazioni di Lee Strasberg ci danno la possibilità di vivere i problemi e le emozioni di attori in formazione.

La lettura di questi volumi permette di approfondire con sguardo nuovo alcuni dei principali movimenti artistici contemporanei, assumendo il punto di vista di chi quei movimenti li ha anticipati o generati.

Iniziamo questo viaggio alla scoperta della collana, presentandovi le memorie di Roger Blin.

Leggi di più
12/12/2014
Regalate un viaggio nel passato delle città italiane tra '600 e '700

Cari amici,

vi segnaliamo la versione aggiornata della collana VEDUTE D’ITALIA, una raccolta delle stampe dei principali incisori operanti in Italia tra il ‘600 e il ‘700. La collana fu ideata dalla nostra casa editrice 25 anni fa per rendere accessibile a tutti opere di famosi incisori, e la cura dei volumi fu affidata a un team di giovani studiosi, collaboratori dell’Istituto Nazionale calcografico. Infatti, a parte i vedutisti e gli incisori più conosciuti come Piranesi e i vedutisti veneziani, molte opere non erano state più ristampate da qualche secolo, e poche altre erano racchiuse in edizioni di lusso. La stampa di queste vedute, anche se l’immagine è ovviamente più piccola dell’originale, ha un grande valore documentario, come riconobbe Federico Zeri, che fu incuriosito per questa originale e utile operazione editoriale, nata per poter offrire a una platea internazionale di giovani architetti, urbanisti e storici dell’arte le opere a un prezzo accessibile.

Da Venezia a Napoli, da Firenze a Torino, da Roma a Bologna, con le incisioni di Vasi, Carlevarjis, Zocchi, Werner, Sclopis, Giraud e tanti altri, regalatevi e regalate un Grand Tour nelle nostre più belle città, raffigurate nei loro scorci caratteristici, nelle loro piazze, nei loro monumenti a cavallo tra '600 e '700.

Leggi di più
04/12/2014
Più libri più liberi

Cari amici,
dal 4 all'8 dicembre si svolgerà Più libri più liberi, la Fiera della piccola e media editoria. Quest'anno, dopo alcuni anni di assenza, parteciperemo anche noi. Quindi, vi aspettiamo numerosi. Venite a trovarci al Palazzo dei Congressi di Roma, ci trovate allo stand Q10. Potrete sfogliare i nostri libri, acquistarli, chiederci informazioni, conoscerci. O anche solo farci un saluto.
La fiera è aperta dalle 10 alle 20, dal 4 all'8 dicembre. Sul sito ufficiale della manifestazione trovate tutte le informazioni per raggiungerci.

Leggi di più
08/10/2014
Un grande insegnante può rendere tutto possibile

Attrice, scrittrice, regista, produttrice e insegnante di recitazione, Susan Batson è stata definita un "tecnico dello spirito" dal New Yorker. Nicole Kidman, che ha lavorato a stretto contatto con Susan per più di dodici anni, la saluta come un insegnante di recitazione unico perspicace con “un inferno di un sacco di talento puro”, mentre il premio Oscar Juliet Binoche loda la capacità di Susan “scuotere voi come un albero e ottenere i frutti verso il basso”.

 

Afferma Susan Batson che la recitazione non è una terapia. "È un’illuminazione personale ma non è una terapia. Infatti uno psicologo vieterebbe molte delle cose che io incoraggio gli attori a fare. Uno psicologo vi chiederebbe di cambiare, controllare o modificare il vostro comportamento. Io invece vi dico di USARLO! Recitare richiede di esaltare i lati della vostra personalità più selvaggi, peccaminosi e dolorosi. Usate l’immaginazione per mettere a nudo e trasmettere con quest’arte ciò che è già in voi stessi".

Leggi di più
24/07/2014
Leggere in vacanza è più facile con uno sconto speciale!

Leggere in vacanza è più facile con lo sconto!

Per il periodo che va da sabato 26 luglio a domenica 31 agosto i nostri lettori hanno la possibilità di acquistare i titoli che sono presenti nel nostro catalogo online  con uno sconto straordinario. Lo sconto è del 15%sul prezzo di copertina più un 5% sul prezzo scontato, che porta la percentuale di risparmio sugli acquisti quasi al 20%. L'offerta è valida solo per gli acquisti online sui titoli a disposizione.

Non perdete questa occasione!

Leggi di più
11/07/2014
Uno sguardo preciso e dettagliato sui princìpi e sulle pratiche artistiche ed estetiche del montaggio video e audio

I due volumi di Ken Dancyger contengono  importanti consigli per gli aspiranti registi e montatori e forniscono uno sguardo preciso e dettagliato sui principi e sulle pratiche artistiche ed estetiche del montaggio video e audio. Attraverso l’analisi di numerose sequenze tratte da film e video classici e contemporanei, viene ricostruita un’esaustiva storia del montaggio. L’opera da una parte presenta idee e stili di editing grazie ai quali il regista ha la possibilità di potenziare gli strumenti visivi a sua disposizione e dall’altra si occupa delle scelte narrative che un montatore può compiere in relazione alla teoria, alla storia e alla pratica. Vengono analizzati anche alcuni temi poco trattati, come l’influenza delle nuove tecnologie e il prevalere dello stile sul contenuto, esaminando le caratteristiche del montaggio nella narrazione non lineare.


Leggi di più
18/06/2014
Dalla parola scritta della sceneggiatura all’immagine visualizzata sullo schermo

Sono nuovamente disponibili, in una rinnovata veste grafica i due volumi di Steven D. Katz, Shot by shot, precedentemente intitolati Visualizzare il film. Con le sue 200.000 copie vendute nel mercato statunitense, Shot by shot è il più grande successo editoriale nel campo della didattica per il cinema. Ed è comprensibile, in quanto il libro costituisce quel ponte necessario per passare dalla parola scritta della sceneggiatura all’immagine visualizzata sullo schermo. In pratica, è come un dizionario che traduce da una lingua – quella letteraria – a un’altra – quella cinematografica. E lo fa inquadratura dopo inquadratura – “shot by shot” –, iniziando con il disegno e la tecnica dello storyboard – una pratica simile alle tavole dei fumetti –, per cui ogni scena descritta in sceneggiatura è visualizzata in uno o più disegni come anticipazione su carta di ciò che poi verrà ricostruito dal vero sul set. 

Steven D. Katz, regista e didatta con più di 25 anni di esperienza nel campo della scrittura, regia e editing, è autore anche del manuale di regia Girare difficile.

Leggi di più
23/12/2013
Voglio il mare, non una pozzanghera. Conversazione su PD, buona politica e un’altra idea di mondo

Questo libro è una conversazione a distanza fra la protagonista – Laura Puppato – e una giornalista – Daniela Brancati – che ne coglie l’originalità nel panorama politico italiano. Puppato è una outsider rispetto al sistema e si racconta partendo dagli esordi come rappresentante degli studenti fino ai giorni più vicini a noi. Oggi Laura è arrivata al Senato della Repubblica, ma si sente ancora (come quando alle primarie del centrosinistra sfidò Bersani, Renzi, Tabacci e Vendola) la rappresentante di un’altra idea di mondo rispetto al pensiero dominante fra i big del suo partito – il PD. Però a chi le chiede: «che ci fai ancora in quel partito», lei risponde: «che ci fai tu fuori».
Qualcuno oggi la iscrive al partito dei “dissenzienti”, ma Puppato rifiuta questa etichetta, così come, per la verità, rifiuta tutte le etichette. Questa è la persona: veneta, cattolica, di sinistra, ambientalista. Pacifista ma non pacifica.

Leggi di più
22/10/2013
Le strade parallele: la scuola, la vita

Dismessi i panni di assessore, Fiorenzo Alfieri torna a interrogarsi sulla scuola, sua antica e mai dimenticata passione. Che cos’è la scuola oggi? E chi sono i ragazzi che per la maggior parte la vivono come un’esperienza alienante? Da buon maieuta Alfieri ricorre alla formula del dialogo e l’interlocutore ideale lo ha trovato in casa, un nipote, Leonardo Menon, che frequenta la seconda liceo scientifico in un liceo torinese. La novità più significativa di questo libro sta nel fatto che sia stato scritto per metà da un ragazzo di non ancora 16 anni. Normalmente di scuola parlano pedagogisti, politici, economisti, giornalisti: tutti adulti. Non è mai capitato che anche uno studente abbia avuto la possibilità di dire la sua con così tanta libertà e con il suo personale linguaggio.

Leggi di più
11/04/2013

Borgna: “Il mio sogno per Roma, una città aperta”

L'eccezionale partecipazione di centinaia di persone - lettori, operatori culturali, artisti, esponenti politici - per la presentazione del libro di Gianni Borgna l'8 aprile al Teatro Quirinetta - con gli interventi di Giosetta Fioroni, Francesco Rutelli, Walter Veltroni, coordinati da Michele Mirabella - ha evidenziato il bisogno molto sentito di recuperare una politica culturale attiva e ricca di nuovi progetti e opportunità. Borgna ha incarnato in pieno quel "modello Roma" del centrosinistra al governo come assessore alla Cultura ininterrottamente per 13 anni. «Purtroppo - dice Borgna - oggi Roma è tutt'altro che aperta: piuttosto chiusa alla progettualità, senza reti che la tengano unita, sfilacciata, assai insicura...». Qui di seguito il testo l'intervista che Alberto Alfredo Tristano ha realizzato per Linkiesta.

Leggi di più
29/11/2012
La narrazione vendoliana a tutto tondo: la passione e la voglia di lavorare per il bene comune.

La vita che vorrei ci parla dei desideri, delle idee e delle aspirazioni di Nichi Vendola, che nel libro si racconta attraverso un confronto serrato. Confronto e non intervista: Lidia Ravera, accetta senza infingimenti il terreno di Nichi Vendola, e si confronta senza cercare riparo nell’astrattezza del linguaggio politico o nella facile retorica dei buoni sentimenti, dissentendo o condividendo di volta in volta.

Leggi di più
08/11/2012
La storia controcorrente delle vicende della sinistra dal '93 a oggi

Emanuele Macaluso ricostruisce, senza indugiare in bizantinismi, quello che è accaduto nella sinistra in questi ultimi venti anni, analizzando i motivi dell'inadeguatezza del gruppo dirigente dopo la caduta del Muro e le vicende di Tangentopoli.

Leggi di più
09/10/2012
Il grande mutamento di una città narrato da chi lo ideò e attuò.

La città che non c'era narra del grande mutamento culturale di Torino degli ultimi trent'anni, sull’esempio di altre città - come  Glasgow, Manchester e Bilbao - che nella cultura avevano trovato la risposta alle loro crisi industriali.

Leggi di più
08/02/2012
LA BUONA POLITICA

Cari amici,
la nuova collana, La buona politica, si arricchisce di un altro titolo: Per un programma di sinistra (ma forse anche di destra). L'autore si firma Anonimo Pd, e il motivo ve lo spiega l'editore qui sotto.

Leggi di più
19/01/2012
"Vie di fuga" a Torino

Sabato 4 febbraio alle 18:30, Vie di fuga - il noir in salsa europea di Eugenia Romanelli che, sullo sfondo dei nuovi linguaggi della comunicazione, è anche una particolare guida turistica e uno spaccato sulle nuove famiglie del terzo millennio - sarà presentato a Torino, nel Lanificio San Salvatore in via Sant'Anselmo 30).

Leggi di più
12/01/2012
"Vie di fuga" a Milano

Giovedì 19 gennaio alle 18:30, Vie di fuga - il noir in salsa europea di Eugenia Romanelli che, sullo sfondo dei nuovi linguaggi della comunicazione, è anche una particolare guida turistica e uno spaccato sulle nuove famiglie del terzo millennio - sarà presentato a Milano, nella libreria Feltrinelli di Corso Buones Aires.

Leggi di più
02/12/2011
Due appuntamenti da non perdere!

Oggi, 2 dicembre, alle ore 17:30, presso la Scuola Romana dei Fumetti, si terrà un incontro con gli autori di Sei lezioni sul fumetto, Massimo Rotundo e Marco Vignati, non mancate!

 

Leggi di più
Prossime uscite
next
Di Fabio Mòllica
Passi e figure delle danze di societa
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 0/3/2017
Passi e figure delle danze di societa
prev
Avvisi ai naviganti
Gli appuntamenti con i nostri autori
20/02/2017 -

 

Il 25 e il 26 febbraio a Milano, presso Base Teatro in via Veniro 41, Carlos Maria Alsina , autore di "Il metodo delle azioni fisiche", terrà un seminario su Anton Checov. Per informazioni: 02 366 822 54 o direzione@baseteatro.it

 Il 10 marzo Michele Monetta e Giuseppe Rocca, autori di "Mimo e Maschera", incontreranno gli alunni del Liceo Artistico di Salerno.